primavera velata

Anchise Picchi: Alzata in padule - Olio su tela
 

Primavera velata

Scende leggero un tiepido umidore
nel  vespero che avanza, sopra il colle.
Si stempera nell’aria ogni rumore,
nei campi i fiori chiudon le corolle.

Nella sera, sul prato, in faccia al cielo,
stanno tre bimbe  con i lor segreti,
mentre s’ammanta d’un leggero velo
ogni cosa d’intorno, e par si queti.

Discorrono tra loro trasognanti,
mentre pian piano un poco già s’annera, 
dei lor miraggi, di sorrisi e pianti.

Quando la vita, poi, sarà più vera
ricorderanno intatti quegli istanti
d’una velata e dolce primavera.